martedì 2 dicembre 2014

Quale Costituzione per la terza Repubblica?

Il tema delle riforme costituzionali riemerge ciclicamente nel dibattito politico. La necessità di ulteriori riforme dimostra il sostanziale fallimento di tutti gli interventi posti in essere negli ultimi anni. Essi hanno fallito nel dare alla nostra Repubblica un assetto costituzionale più stabile, efficiente e più rispettoso della sovranità popolare. Un’analisi critica non può non partire dal Titolo V della Costituzione e dalle riforme del 2000, che hanno dato al regionalismo italiano la sua attuale forma. Le Regioni avrebbero dovuto avvicinare i cittadini alle istituzioni ed efficientare, alla luce del principio di sussidiarietà, l’azione politica e amministrativa. Nessuno dei due obbiettivi è stato raggiunto, anzi. Chi può negare che oggi la sfiducia dei cittadini verso le istituzioni repubblicane, centrali e periferiche, abbia raggiunto il suo massimo storico?


Come si può invece parlare di efficienza, a fronte della moltiplicazione dei centri di spesa, della duplicazione delle strutture burocratiche, del consolidarsi di costose caste di notabili locali, dediti a servire interessi particolari e frammentati a scapito dell’interesse generale?


Si è molto parlato di abolizione delle province, ma esse sono rimaste. Si è invece abolito, quello sì, il potere dei cittadini di scegliere i propri rappresentanti politici provinciali. Non sono le Province, ma è l’intero impianto del decentramento politico che deve essere ripensato. Le attuali Regioni sono enti artificiali e privi di storia, che riuniscono al loro interno aree territoriali e interessi funzionalmente scollegati. Si è voluto trasformare delle linee, disegnate per ragioni essenzialmente statistiche sulle cartine del fu Regno d’Italia, in centri di potere autonomo. Dobbiamo riconoscere, dopo quattro decenni di sperimentazione, che questi Enti si sono ripetutamente dimostrati inidonei ad assolvere le importanti funzioni a loro demandate. Per di più, essi hanno appesantito e rallentato, tramite continui conflitti, la stessa attività dello Stato centrale.


Le Regioni devono essere soppresse. Province e Comuni sono invece il frutto di un’evoluzione storica durata secoli, e si sono dimostrati ancora utili al paese. Indubbiamente, è necessario ridefinire i territori provinciali e accorpare i piccoli Comuni. Un tale lavoro non può però essere realizzato tramite indici rigidi di territorio e popolazione. E’ necessario piuttosto individuare, realtà per realtà, delle dimensioni ottimali di Governo del territorio, che tengano conto dell’organizzazione delle reti di trasporto, della fornitura dei servizi pubblici, dei flussi lavorativi e commerciali. Segnalo a tal proposito il capillare e rigoroso lavoro di ricerca svolto dalla Società Geografica Italiana, commissionato dal Governo Letta e poi del tutto ignorato dai suoi stessi committenti. Tale proposta delinea uno Stato articolato su non più di 30-36 province, con contestuale soppressione delle regioni. E’ a tale visione che indirizzerò i miei sforzi.


Il confuso progetto di trasformazione del Senato mi lascia invece perplesso. Se l’obbiettivo principale è davvero quello di abbattere i costi del parlamento, comunque infinitesimali rispetto al bilancio dello Stato, pare logico agire sui numeri. Al contrario, la trasformazione di una camera di eletti in una camera di nominati risponde a una logica ben diversa da quella di ridurne i costi. Sono favorevole al bicameralismo, anche e soprattutto se imperfetto, ma il Senato non può e non deve ridursi a un’inutile comparsa.
Sono convinto che il parlamento sia oggi inefficiente. Gli strumenti per superare tali inefficienze esistono già, e sono i regolamenti parlamentari. Basterebbe la volonta politica di modificarli per rendere più celere l’iter legislativo e più proficuo il confronto. Si dovrebbe separare nettamente la fase di discussione da quella di voto e limtare fortemente alcune tempistiche, retaggio di un lontano passato, dove il politico portava ai suoi elettori i resoconti stenografici dei propri interventi e per arrivare a Roma da ogni parte d’Italia poteva servire un giorno intero di viaggio.


Non vi è però una sufficiente volontà in tal senso. Il vero senso della riforma si coglie appieno alla luce della malcelata intenzione di mantenere un sistema elettorale fondato su liste bloccate. La volontà pare quella di ridurre a un’ombra sempre più sbiadita il potere legislativo, alterando la divisione dei poteri. Di rendere il Governo sempre meno dipendente dai rappresentanti del popolo, trasferendo gradualmente i compiti legislativi a funzionari ministeriali. Di cementare il ruolo paternalista del Governo, quale diretto garante del popolo in un artificiale stato di emergenza permanente. Di realizzare, insomma, una riforma dello Stato in senso autoritario e plebiscitario.

Ivan Catalano

LinkedIn

Post più popolari

Etichette

interrogazioni (117) Trasporti (60) poste (54) Politica dei Trasporti (47) Riflessioni (26) retrofit (25) NCC (21) M5S (20) MIT (20) Codice della Strada (18) Autotrasporto (17) Taxi (17) Ferrovie (16) Rinnovabili.it (16) ALDE Press (15) TPL (15) concorrenza (14) Cargo Ferroviario (13) OpenDATA (13) sottoscrizioni (13) Agenda Digitale (10) UBER (9) Aeroporti (8) Albo degli autotrasportatori (8) carpooling (8) Documento unico del veicolo (7) Lavori di Commissione (7) Ministro Lupi (7) Proposte di Legge primo firmatario (7) autostrade (7) Cabotaggio (6) Mozioni (6) PRA (6) Porti (6) Risoluzioni (6) disabili (6) giustizia (6) infrastrutture (6) intergruppo innovazione (6) interpellanza (6) sharing economy (6) A.C. 2679 (5) AGCM (5) Affari esteri (5) Internet (5) Motorizzazione Civile (5) SEA Handling (5) ANSV (4) ANV (4) Corridoio Genova Rotterdam (4) Costituzione (4) ENAV (4) Interno (4) Lettere (4) MCTC (4) Mafia (4) ModemLibero (4) Parlamento Europeo (4) Politica internazionale (4) Privativazione (4) Pubblica amministrazione (4) Tabagismo (4) dispositivo unico (4) idrogeno (4) omicidio stradale (4) referendum (4) sigarette (4) vaccinazioni (4) A.C. 1836 (3) A.C. 2215 (3) A.C. 2584 (3) A.C. 2629 (3) AGCOM (3) AIFA (3) ALDE (3) Commissione IX (3) Digital Divide (3) Dukic (3) Israele (3) Legge Stabilità (3) Legge di Delegazione Europea (3) MISE (3) MIUR (3) Nuovo Primo Valico (3) Ordine del giorno (3) Palestina (3) Partito Liberale Italiano (3) RFI (3) RiformaCostituzionale (3) Svizzera (3) Tasse e fisco (3) Terzo Valico dei Giovi (3) UIRNet (3) UberPOP (3) emendamenti (3) ergastolo della patente (3) home restaurant (3) regioni (3) scelta civica (3) semafori (3) sicurezza (3) terremoto (3) velocipedi (3) A.C. 2093 (2) A.C. 2381 (2) AGID (2) Approved (2) Audizione (2) AutoBlu (2) Busto Arsizio (2) Casaleggio (2) DecretoVax (2) FAP (2) Italicum (2) Lobbying (2) Malpensa (2) Quarto Pacchetto Ferroviario (2) Reddito di Cittadinanza (2) Risoluzione 7/00152 (2) Telefonia (2) Unione Europea (2) banche (2) collegato ambientale (2) commissione uranio (2) creative commons (2) cyberbullismo (2) eolico (2) filtro antiparticolato (2) metano (2) news varie (2) otto per mille (2) scatola nera (2) variante di valico (2) (COM(2013)315) (1) (COM(2013)316) (1) A.C. 1214 (1) A.C. 1964 (1) A.C. 2012 (1) A.C. 2433 (1) A.C. 254-272 (1) A.C. 2568 (1) A.C. 68/110/1945-A (1) ALDE congresso 2016 (1) ART (1) Abruzzo (1) Anti-Abbandono (1) Bilancio della camera 2014 (1) BluMed (1) CNR (1) CRIF (1) Chiesa cattolica (1) Cina (1) Commissione Questioni Regionali (1) Corte Costituzionale (1) DL 47/2014 (1) DL 66/20014 (1) DL 91/2014 (1) DL Irpef (1) DL enti locali (1) Debito pubblico (1) Decreto capitali esteri (1) Difesa (1) Ecomondo 2016 (1) Emergenza Abitativa (1) FertilityDay (1) FlatTax (1) Fondo ammortamento titoli di stato (1) GILDA (1) Grecia (1) INVALSI (1) IRAP (1) IRPEF (1) IS (1) IVASS (1) IoVotoSì (1) Kurdistan (1) Lamrecor (1) Lazio (1) Legge Europea 2017 (1) Lombardia (1) Lost pay (1) MEF (1) ONU (1) Openpolis (1) ParlamentoCasaDiVetro (1) Piano Casa (1) RAI (1) RPC (1) Radicali (1) Rinnovabili (1) Roma (1) SGI (1) Salute (1) Senato (1) Siria (1) TAV (1) TTIP (1) Tibet (1) Toscana (1) Trenord (1) Vecchio Sito (1) Via della seta (1) accam (1) amatrice (1) bagheria (1) buoni locali (1) carburanti (1) carcere (1) civici e innovatori (1) collegato agricolo (1) commissione europea (1) comunicato stampa (1) concorsi (1) conoe (1) costituente liberale (1) cultura digitale (1) dimissioni in bianco (1) diritti civili (1) droga (1) eCall (1) editoria (1) elezioni2016 (1) energia (1) gas (1) gig economy (1) interventi in aula (1) interviste (1) l'Aquila (1) labuonascuola (1) legalizzazione (1) legittima difesa (1) liberalizzazione (1) medicina (1) mobility r-evolution (1) opencantieri (1) opencivitas (1) parere (1) parlamento pulito (1) pdl2792 (1) petrolio (1) polizia postale (1) prostituzione (1) riforma dei partiti (1) sanità (1) scuola (1) tassazione (1) trasparenza (1) whistleblower (1) yoga (1)

Etichette Vecchio Sito

interrogazioni poste Comunicati Stampa Risoluzioni Lavori di commissione Aeroporti Commissione IX C730 Interporti Retrofit A.C. 1865 Tpl Polizze Assicurative Codice della Strada Destinazione Italia Irisbus Open Data Parlamento Europeo Riflessioni A.C. 1920 Commissione XI Contratto di Programma 2013 Rfi Nokia Siemens Network AGCM Canone RFI Ferrovie Quarto Pacchetto Ferroviario SEA Handling A.C. 1682 Agenda Politica Aggiornamenti Albo degli autotrasportatori Audizioni C997 Commissione VI Decreto Del Fare Easyjet Fiumicino Fondo di Garanzia e Microcredito IVASS Lupi MIT Motorizzazione Civile Pra Privatizzazioni Ryanair Svizzera autorità dei trasporti autostrade enav tutor A.C. 1214 ANSV APER ATM Acqua Alitalia Amici animali Appello Appello PAC Approved Assotir Atto 75 Autorità portuali Banca del Mezzogiorno Chiliamcisegua Commissione TRAN al PE Consulenti Consultazioni Corridoio Genova Rotterdam Debito pubblico Diritti umani Elcon Enac Energie Rinnovabili Elettriche Enpa Eolo a 4 zampe Fondo ammortamento titoli di stato GPL Greenpeace Lac Lav Legalità Legge 104/92 Leidaa Libri Malpensa Noianimali OGM Oipa Piano Nazionale ITS Politica Trasporti Politica dei Trasporti Porti Proposte di Legge primo firmatario Rendicontazione Report S.o.s. Levrieri SISTRI Saluti Semplificazioni Sicurezza stradale Sondaggi Stabilità 2013 Tachigrafo Digitale Telefonia Trasporti Trenord UIRnet beppegrillo commissione X conisgli di leggere cyberbullismo eCall interventi in aula m5s missioni pippo baudo postel webtax