martedì 1 marzo 2016

Retrofit: primi chiarimenti urgenti

Buonasera a tutti,

mi sento di scrivere questo post in quanto in questi primi 3 mesi di discussione online sul decreto del retrofit, sono state scritte molte inesattezze e sono emersi molti dubbi.

Andiamo in ordine: 

il Nulla Osta del costruttore.
Per la riqualificazione elettrica dei veicoli, il decreto prescrive, all'articolo 4, comma 2, la necessità di un nulla osta del costruttore "nei casi in cui il sistema di riqualificazione elettrica richieda sostituzioni o modifiche di parti del veicolo al di fuori del sistema di propulsione stesso, ovvero di software per la gestione dei sistemi anti-bloccaggio, controllo della trazione e della stabilita' del veicolo, con altri di caratteristiche diverse da quelli previsti dal medesimo costruttore del veicolo". Ciò significa che se si modificano dispositivi come ABS o TCS si ha la necessità del nulla osta del costruttore. Però al successivo comma 3 si precisa che, in caso di mancanza, è possibile sopperirvi "effettuando le prove necessarie e modifiche effettuate assicurino un livello di sicurezza e di prestazioni non inferiori a quello del veicolo originario". Queste ultime parole hanno sollevato molti dubbi. Come confermatomi dai funzionari, il Ministero intende semplicemente assicurare che le normative che il veicolo originario rispettava al momento della sua omologazione continuino ad essere rispettate con le modifiche apportate a seguito della riqualificazione. La clausola del comma 3 è stata voluta dalla commissione europea.
Questo decreto inoltre supera anche le prescrizioni dell'Art. 236 del DPR 495 del 1992, che dava attuazione all'Art. 78 del C.D.S., in quanto il decreto disciplina in modo esaustivo tutto il processo di riqualificazione, in attuazione dell'articolo 75 comma 3bis del C.D.S.

Il concetto ispiratore del decreto è il seguente: modificare il meno possibile, sostituendo la fonte propulsiva endotermica con una elettrica, lasciando inalterato il contorno, che una volta riqualificato continuerà a rispondere ai requisiti omologativi originali.

Si possono installare Kit omologati in paesi esteri oppure no? in tal caso ci sono violazioni della concorrenza?
Il decreto prevede all'Articolo 8 che "I sistemi equivalenti al sistema di riqualificazione elettrica,omologati da Stati appartenenti all'Unione europea ed allo Spazio economico europeo, sono soggetti a verifica delle condizioni di sicurezza del prodotto e di protezione degli utenti" ciò significa che è possibile importare dei kit stranieri purché rispecchino i requisiti di sicurezza. Al comma successivo viene specificata inoltre che la verifica è "documentale". Questa norma e la norma sul nulla osta descritta precedentemente sono entrambe poste a tutela della concorrenza e del mercato unico europeo. Questo per chiarire le idee a chi dice che il decreto del ministero è il solito pasticcio all'italiana.

Le circolari dei "7 anni" sono in vigore anche con il retrofit?
Le circolari emesse negli anni '70 e '80 fanno riferimento alla sostituzione di un propulsore endotermico con un altro propulsore endotermico, anche di differente alimentazione. La ratio dietro quelle circolari era legata al contesto socio economico del tempo, che non garantiva la reperibilità di pezzi di ricambio da parte dei produttori, così il ministero, per stare dalla parte della ragione, ha regolamentato la cosa per garantire la sicurezza. Per la riqualificazione elettrica queste circolari non hanno valore. L'intero processo è infatti regolato da una distinta fonte normativa primaria, del quale il decreto sul retrofit costituisce attuazione.

Che cosa si intende per famiglia di veicoli?
Il criterio per capire il concetto di "famiglia di veicoli" è il seguente: per installare il kit sul veicolo devo modificare il kit stesso? Se la risposta è affermativa, occorre una nuova omologazione oppure una estensione di omologazione. Quindi, partendo dalla premessa di base che, comunque, quando cambio il costruttore, necessito di una nuova omologazione anche se il kit è identico, potremmo dire che una famiglia di veicoli è composta da più versioni e varianti di un medesimo modello, nonché più modelli dello stesso costruttore, nel caso in cui il kit non subisca modificazioni per la sua installazione.

Questi sono stati i dubbi di maggiore rilevanza che ho avuto modo di riscontrare nel dibattito. Naturalmente nuovi dubbi potranno essermi sottoposti direttamente via mail oppure tramite commenti a questo post.
Io rispondo sempre, se il fine non è la polemica ma la comprensione.

Ivan Catalano

LinkedIn

Post più popolari

Etichette

interrogazioni (117) Trasporti (60) poste (54) Politica dei Trasporti (47) Riflessioni (26) retrofit (25) NCC (21) M5S (20) MIT (20) Codice della Strada (18) Autotrasporto (17) Taxi (17) Ferrovie (16) Rinnovabili.it (16) ALDE Press (15) TPL (15) concorrenza (14) Cargo Ferroviario (13) OpenDATA (13) sottoscrizioni (13) Agenda Digitale (10) UBER (9) Aeroporti (8) Albo degli autotrasportatori (8) carpooling (8) Documento unico del veicolo (7) Lavori di Commissione (7) Ministro Lupi (7) Proposte di Legge primo firmatario (7) autostrade (7) Cabotaggio (6) Mozioni (6) PRA (6) Porti (6) Risoluzioni (6) disabili (6) giustizia (6) infrastrutture (6) intergruppo innovazione (6) interpellanza (6) sharing economy (6) A.C. 2679 (5) AGCM (5) Affari esteri (5) Internet (5) Motorizzazione Civile (5) SEA Handling (5) ANSV (4) ANV (4) Corridoio Genova Rotterdam (4) Costituzione (4) ENAV (4) Interno (4) Lettere (4) MCTC (4) Mafia (4) ModemLibero (4) Parlamento Europeo (4) Politica internazionale (4) Privativazione (4) Pubblica amministrazione (4) Tabagismo (4) dispositivo unico (4) idrogeno (4) omicidio stradale (4) referendum (4) sigarette (4) A.C. 1836 (3) A.C. 2215 (3) A.C. 2584 (3) A.C. 2629 (3) AGCOM (3) AIFA (3) ALDE (3) Commissione IX (3) Digital Divide (3) Dukic (3) Israele (3) Legge Stabilità (3) Legge di Delegazione Europea (3) MISE (3) MIUR (3) Nuovo Primo Valico (3) Ordine del giorno (3) Palestina (3) Partito Liberale Italiano (3) RFI (3) RiformaCostituzionale (3) Svizzera (3) Tasse e fisco (3) Terzo Valico dei Giovi (3) UIRNet (3) UberPOP (3) emendamenti (3) ergastolo della patente (3) home restaurant (3) regioni (3) scelta civica (3) semafori (3) sicurezza (3) terremoto (3) vaccinazioni (3) velocipedi (3) A.C. 2093 (2) A.C. 2381 (2) AGID (2) Approved (2) Audizione (2) AutoBlu (2) Busto Arsizio (2) Casaleggio (2) FAP (2) Italicum (2) Lobbying (2) Malpensa (2) Quarto Pacchetto Ferroviario (2) Reddito di Cittadinanza (2) Risoluzione 7/00152 (2) Telefonia (2) Unione Europea (2) banche (2) collegato ambientale (2) commissione uranio (2) creative commons (2) cyberbullismo (2) eolico (2) filtro antiparticolato (2) metano (2) news varie (2) otto per mille (2) scatola nera (2) variante di valico (2) (COM(2013)315) (1) (COM(2013)316) (1) A.C. 1214 (1) A.C. 1964 (1) A.C. 2012 (1) A.C. 2433 (1) A.C. 254-272 (1) A.C. 2568 (1) A.C. 68/110/1945-A (1) ALDE congresso 2016 (1) ART (1) Abruzzo (1) Anti-Abbandono (1) Bilancio della camera 2014 (1) BluMed (1) CNR (1) CRIF (1) Chiesa cattolica (1) Cina (1) Commissione Questioni Regionali (1) Corte Costituzionale (1) DL 47/2014 (1) DL 66/20014 (1) DL 91/2014 (1) DL Irpef (1) DL enti locali (1) Debito pubblico (1) Decreto capitali esteri (1) DecretoVax (1) Difesa (1) Ecomondo 2016 (1) Emergenza Abitativa (1) FertilityDay (1) FlatTax (1) Fondo ammortamento titoli di stato (1) GILDA (1) Grecia (1) INVALSI (1) IRAP (1) IRPEF (1) IS (1) IVASS (1) IoVotoSì (1) Kurdistan (1) Lamrecor (1) Lazio (1) Legge Europea 2017 (1) Lombardia (1) Lost pay (1) MEF (1) ONU (1) Openpolis (1) ParlamentoCasaDiVetro (1) Piano Casa (1) RAI (1) RPC (1) Radicali (1) Rinnovabili (1) Roma (1) SGI (1) Salute (1) Senato (1) Siria (1) TAV (1) TTIP (1) Tibet (1) Toscana (1) Trenord (1) Vecchio Sito (1) Via della seta (1) accam (1) amatrice (1) bagheria (1) buoni locali (1) carburanti (1) carcere (1) civici e innovatori (1) collegato agricolo (1) commissione europea (1) comunicato stampa (1) concorsi (1) conoe (1) costituente liberale (1) cultura digitale (1) dimissioni in bianco (1) diritti civili (1) droga (1) eCall (1) editoria (1) elezioni2016 (1) energia (1) gas (1) gig economy (1) interventi in aula (1) interviste (1) l'Aquila (1) labuonascuola (1) legalizzazione (1) legittima difesa (1) liberalizzazione (1) medicina (1) mobility r-evolution (1) opencantieri (1) opencivitas (1) parere (1) parlamento pulito (1) pdl2792 (1) petrolio (1) polizia postale (1) prostituzione (1) riforma dei partiti (1) sanità (1) scuola (1) tassazione (1) trasparenza (1) whistleblower (1) yoga (1)

Etichette Vecchio Sito

interrogazioni poste Comunicati Stampa Risoluzioni Lavori di commissione Aeroporti Commissione IX C730 Interporti Retrofit A.C. 1865 Tpl Polizze Assicurative Codice della Strada Destinazione Italia Irisbus Open Data Parlamento Europeo Riflessioni A.C. 1920 Commissione XI Contratto di Programma 2013 Rfi Nokia Siemens Network AGCM Canone RFI Ferrovie Quarto Pacchetto Ferroviario SEA Handling A.C. 1682 Agenda Politica Aggiornamenti Albo degli autotrasportatori Audizioni C997 Commissione VI Decreto Del Fare Easyjet Fiumicino Fondo di Garanzia e Microcredito IVASS Lupi MIT Motorizzazione Civile Pra Privatizzazioni Ryanair Svizzera autorità dei trasporti autostrade enav tutor A.C. 1214 ANSV APER ATM Acqua Alitalia Amici animali Appello Appello PAC Approved Assotir Atto 75 Autorità portuali Banca del Mezzogiorno Chiliamcisegua Commissione TRAN al PE Consulenti Consultazioni Corridoio Genova Rotterdam Debito pubblico Diritti umani Elcon Enac Energie Rinnovabili Elettriche Enpa Eolo a 4 zampe Fondo ammortamento titoli di stato GPL Greenpeace Lac Lav Legalità Legge 104/92 Leidaa Libri Malpensa Noianimali OGM Oipa Piano Nazionale ITS Politica Trasporti Politica dei Trasporti Porti Proposte di Legge primo firmatario Rendicontazione Report S.o.s. Levrieri SISTRI Saluti Semplificazioni Sicurezza stradale Sondaggi Stabilità 2013 Tachigrafo Digitale Telefonia Trasporti Trenord UIRnet beppegrillo commissione X conisgli di leggere cyberbullismo eCall interventi in aula m5s missioni pippo baudo postel webtax