venerdì 8 aprile 2016

Il Ministero prende posizione: l'art. 29, comma 1-quater NON è in vigore.

Buongiorno a tutti.

Vi ricorderete dell'Ordine del Giorno che ho fatto approvare in sede di conversione del Decreto Milleproroghe. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,  come si era impegnato a fare accogliendo il mio odg, ha inviato all'ANCI, al Ministero dell'Interno e per conoscenza al Gabinetto del Ministro Delrio una circolare, firmata dal direttore generale Enrico Finocchi, che pur sottolineando lo stato di incertezza normativa, prende inequivocamente posizione per la non vigenza delle vergognose norme anti-ncc introdotte dall'art. 29, comma 1-quater.


Tale presa di posizione è importante, quanto inevitabile, sia sulla base di un'interpretazione costituzionalmente orientata, sia sulla base di un'interpretazione fedele alla volontà del legislatore. Infatti, come evidenziato nella stessa relazione di accompagnamento al DDL di conversione del Milleproroghe, votato e convertito in Legge dal Parlamento a inizio 2016, tale proroga si rende necessaria in quanto “dall'immediata entrata in vigore della normativa introdotta dall'articolo 29, comma 1-quater, del decreto-legge n. 207 del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 14 del 2009 (che ha apportato modifiche sostanziali alla legge quadro n. 21 del 1992, in materia di trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea), scaturirebbero notevoli profili di criticità, sotto il profilo sia costituzionale che europeo”.

Si esplicita, in particolare, che “la predetta disposizione contiene elementi fortemente restrittivi dei princìpi di libera concorrenza, già rappresentati in sede di conversione del citato decreto-legge «milleproroghe» del dicembre 2008 presso il Senato della Repubblica dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che evidenziava come le innovazioni normative fossero suscettibili di introdurre numerosi elementi di rigidità nonché limiti aventi una spiccata portata anticoncorrenziale; in quella sede, la stessa Autorità concludeva auspicando l'introduzione di interventi correttivi delle suddette disposizioni” e che “la proroga, pertanto, è necessaria al fine di evitare l'entrata in vigore di una norma che contiene elementi fortemente restrittivi della concorrenza e di arginare la confusione che deriverebbe dall'applicazione del citato articolo 29, comma 1-quater, nella sua attuale formulazione, con i conseguenti effetti negativi che interesseranno gli enti locali competenti coinvolti nella gestione pratica dei problemi”;

Nell'identico senso si sono espresse tutte le relazioni ai DDL di conversione dei decreti-legge c.d. Milleproroghe approvati dal Parlamento negli anni precedenti, nonché, già in passato, lo stesso Ministero dei Trasporti (v. parere dato dal Direttore Generale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in data 7 settembre 2012 alla Camera di commercio di Frosinone).

A fronte di tutto questo, alcune associazioni di categoria dei tassisti sono insorte, arrivando a invocare le dimissioni del Dott. Finocchi! E' singolare che alcuni soggetti non trovino altro modo di "difendere" la loro categoria se non impedendo ad altri lavoratori italiani di poter onestamente portare il pane dalle loro famiglie. E' altrettanto singolare che questi stessi soggetti, sempre pronti a denunciare - tra l'altro infondatamente, ma questo è un dettaglio - azioni lobbistiche altrui, abbiano raggiunto  questo obbiettivo indecente con una azione lobbistica perfettamente organizzata, sfruttando il peso del voto da loro controllato, determinante per l'elezione del sindaco di Roma.

Per affermare la malafede del Dott Finocchi, questi soggetti sventolano poche sentenze con le quali alcuni giudici hanno ritenuto vigenti le norme di cui all'art. 29, comma 1-quater. Il Ministero, così come il sottoscritto, ben conoscono il contenuto di tali sentenze (l'ultima delle quali è proprio all'origine dell'ordine del giorno!). Si tratta di una giurisprudenza parziale e contestata. Confido sul fatto che prima o poi le SSUU della Cassazione faranno giustizia di queste tesi prive di pregio.

Per attaccare il Dott. Finocchi, e con lui la non vigenza del 29, comma 1-quater, alcuni sono andati anche a scomodare la Corte di Giustizia dell'Unione Europea. Prima di invitare qualcun altro a "leggersi l'intero iter" di una sentenza, farebbero bene a farlo loro stessi. La sentenza cui si riferiscono, infatti, è quella di cui alle cause riunite C‑162/12 e C‑163/12. Nell'espormi il contenuto della decisione, il mio consulente Avv. Gabriele Matteo Fiorentini, mi ha comunicato che "la Corte non si è pronunciata sul merito della questione, ossia se la normativa italiana del 29, co. 1-quater contrasti o meno con il diritto comunitario. Le decisioni di rinvio dei giudici italiani, infatti, non avevano fornito alla Corte gli elementi di fatto e di diritto necessari alla decisione, con la conseguenza che le domande relative al possibile contrasto con gli articoli articoli 101 TFUE e 102 TFUE, in combinato disposto, rispettivamente, con gli articoli 4, paragrafo 3, TUE e 106 TFUE (libertà di concorrenza), sono state dichiarate dalla Corte irricevibili. Rispetto alla domanda relativa al contrasto con l'articolo  49 TFUE (libertà di stabilimento), la Corte ha affermato la sua incompetenza, sempre senza pronunciarsi sul merito del co. 1-quater." Per cui, l'invocazione della sentenza della Corte di Giustizia è del tutto pretestuosa. 
  
Ho lavorato, su altre tematiche di primaria importanza per il sistema italiano dei trasporti, con il Dott. Finocchi, e ho potuto constatare la sua preparazione, professionalità e dedizione. Gli porgo la mia totale solidarietà a fronte degli attacchi ricevuti.

Per l'ennesima volta, invito invece le associazioni dei tassisti a guardare la realtà: non è con una pressione lobbistica a favore del protezionismo e di uno status quo obsoleto e inefficiente che salveranno il servizio taxi dalle sfide dei prossimi anni. Questo modo di agire porterà solo a un lento e inesorabile declino di un servizio che invece ben potrebbe rilanciarsi sfruttando le possibilità offerte dalla tecnologia e dall'innovazione.

Ivan Catalano


 

LinkedIn

Post più popolari

Etichette

interrogazioni (118) Trasporti (62) poste (55) Politica dei Trasporti (49) retrofit (31) Riflessioni (26) NCC (22) Codice della Strada (21) MIT (21) M5S (20) Autotrasporto (19) Taxi (17) Ferrovie (16) Rinnovabili.it (16) ALDE Press (15) TPL (15) concorrenza (15) Cargo Ferroviario (13) OpenDATA (13) sottoscrizioni (13) Agenda Digitale (10) UBER (9) Aeroporti (8) Albo degli autotrasportatori (8) carpooling (8) vaccinazioni (8) Documento unico del veicolo (7) Lavori di Commissione (7) Ministro Lupi (7) Proposte di Legge primo firmatario (7) autostrade (7) interpellanza (7) velocipedi (7) Cabotaggio (6) Internet (6) Mozioni (6) PRA (6) Porti (6) Risoluzioni (6) disabili (6) giustizia (6) infrastrutture (6) intergruppo innovazione (6) risciò (6) sharing economy (6) A.C. 2679 (5) AGCM (5) Affari esteri (5) ModemLibero (5) Motorizzazione Civile (5) SEA Handling (5) AGCOM (4) ANSV (4) ANV (4) Corridoio Genova Rotterdam (4) Costituzione (4) DecretoVax (4) ENAV (4) Interno (4) Lettere (4) MCTC (4) Mafia (4) Parlamento Europeo (4) Politica internazionale (4) Privativazione (4) Pubblica amministrazione (4) Tabagismo (4) commissione uranio (4) dispositivo unico (4) idrogeno (4) omicidio stradale (4) referendum (4) semafori (4) sigarette (4) A.C. 1836 (3) A.C. 2215 (3) A.C. 2584 (3) A.C. 2629 (3) AIFA (3) ALDE (3) Commissione IX (3) Digital Divide (3) Dukic (3) Israele (3) Legge Stabilità (3) Legge di Delegazione Europea (3) MISE (3) MIUR (3) Nuovo Primo Valico (3) Ordine del giorno (3) Palestina (3) Partito Liberale Italiano (3) RFI (3) RiformaCostituzionale (3) Svizzera (3) Tasse e fisco (3) Telefonia (3) Terzo Valico dei Giovi (3) UIRNet (3) UberPOP (3) banche (3) emendamenti (3) ergastolo della patente (3) home restaurant (3) regioni (3) scelta civica (3) sicurezza (3) terremoto (3) A.C. 2093 (2) A.C. 2381 (2) AGID (2) Approved (2) Audizione (2) AutoBlu (2) Busto Arsizio (2) Casaleggio (2) FAP (2) Italicum (2) Lobbying (2) MEF (2) Malpensa (2) Quarto Pacchetto Ferroviario (2) Reddito di Cittadinanza (2) Risoluzione 7/00152 (2) Unione Europea (2) collegato ambientale (2) creative commons (2) cyberbullismo (2) eolico (2) filtro antiparticolato (2) metano (2) news varie (2) otto per mille (2) scatola nera (2) trasparenza (2) variante di valico (2) (COM(2013)315) (1) (COM(2013)316) (1) A.C. 1214 (1) A.C. 1964 (1) A.C. 2012 (1) A.C. 2433 (1) A.C. 254-272 (1) A.C. 2568 (1) A.C. 68/110/1945-A (1) ALDE congresso 2016 (1) ART (1) Abruzzo (1) Anti-Abbandono (1) Bilancio della camera 2014 (1) BluMed (1) CNR (1) CRIF (1) Chiesa cattolica (1) Cina (1) Commissione Questioni Regionali (1) Corte Costituzionale (1) DL 47/2014 (1) DL 66/20014 (1) DL 91/2014 (1) DL Irpef (1) DL enti locali (1) Debito pubblico (1) Decreto capitali esteri (1) Difesa (1) Ecomondo 2016 (1) Emergenza Abitativa (1) FertilityDay (1) FlatTax (1) Fondi di garanzia (1) Fondo ammortamento titoli di stato (1) GILDA (1) Grecia (1) INVALSI (1) IRAP (1) IRPEF (1) IS (1) IVASS (1) IoVotoSì (1) Kurdistan (1) Lamrecor (1) Lazio (1) Legge Europea 2017 (1) Lombardia (1) Lost pay (1) ONU (1) Openpolis (1) ParlamentoCasaDiVetro (1) Piano Casa (1) RAI (1) RPC (1) Radicali (1) Rinnovabili (1) Roma (1) SEN2017 (1) SGI (1) Salute (1) Senato (1) Siria (1) TAV (1) TTIP (1) Tibet (1) Toscana (1) Trenord (1) Vecchio Sito (1) Via della seta (1) accam (1) amatrice (1) bagheria (1) buoni locali (1) carburanti (1) carcere (1) civici e innovatori (1) collegato agricolo (1) commissione europea (1) comunicato stampa (1) concorsi (1) conoe (1) convegni (1) costituente liberale (1) cultura digitale (1) dimissioni in bianco (1) diritti civili (1) droga (1) eCall (1) editoria (1) elezioni2016 (1) energia (1) formazione (1) gas (1) gig economy (1) interventi in aula (1) interviste (1) l'Aquila (1) labuonascuola (1) lavoro (1) legalizzazione (1) legittima difesa (1) liberalizzazione (1) medicina (1) mobility r-evolution (1) opencantieri (1) opencivitas (1) parere (1) parlamento pulito (1) pdl2792 (1) petrolio (1) polizia postale (1) prostituzione (1) riforma dei partiti (1) sanità (1) scuola (1) tassazione (1) whistleblower (1) yoga (1)

Etichette Vecchio Sito

interrogazioni poste Comunicati Stampa Risoluzioni Lavori di commissione Aeroporti Commissione IX C730 Interporti Retrofit A.C. 1865 Tpl Polizze Assicurative Codice della Strada Destinazione Italia Irisbus Open Data Parlamento Europeo Riflessioni A.C. 1920 Commissione XI Contratto di Programma 2013 Rfi Nokia Siemens Network AGCM Canone RFI Ferrovie Quarto Pacchetto Ferroviario SEA Handling A.C. 1682 Agenda Politica Aggiornamenti Albo degli autotrasportatori Audizioni C997 Commissione VI Decreto Del Fare Easyjet Fiumicino Fondo di Garanzia e Microcredito IVASS Lupi MIT Motorizzazione Civile Pra Privatizzazioni Ryanair Svizzera autorità dei trasporti autostrade enav tutor A.C. 1214 ANSV APER ATM Acqua Alitalia Amici animali Appello Appello PAC Approved Assotir Atto 75 Autorità portuali Banca del Mezzogiorno Chiliamcisegua Commissione TRAN al PE Consulenti Consultazioni Corridoio Genova Rotterdam Debito pubblico Diritti umani Elcon Enac Energie Rinnovabili Elettriche Enpa Eolo a 4 zampe Fondo ammortamento titoli di stato GPL Greenpeace Lac Lav Legalità Legge 104/92 Leidaa Libri Malpensa Noianimali OGM Oipa Piano Nazionale ITS Politica Trasporti Politica dei Trasporti Porti Proposte di Legge primo firmatario Rendicontazione Report S.o.s. Levrieri SISTRI Saluti Semplificazioni Sicurezza stradale Sondaggi Stabilità 2013 Tachigrafo Digitale Telefonia Trasporti Trenord UIRnet beppegrillo commissione X conisgli di leggere cyberbullismo eCall interventi in aula m5s missioni pippo baudo postel webtax